Campania: pubblicato bando nuova misura, 35 milioni per le imprese agricole

Pubblicato il

Campania: pubblicato bando nuova misura, 35 milioni per le imprese agricole

Psr 2014/2020, ai nastri di partenza una nuova misura che si pone l’obiettivo di far crescere il tessuto imprenditoriale del settore agricolo campano. Si tratta della tipologia di intervento 4.2.1. Ad annunciarlo Maurizio Petracca, presidente della Commissione Agricoltura del Consiglio Regionale della Campania. “Con apposito decreto dirigenziale è stato approvato il bando relativo alla misura dedicata alla trasformazione, commercializzazione e sviluppo dei prodotti agricoli nell’aziende agroindustriali”. La misura è rivolta alle imprese agro-industriali e a tutte quelle imprese che operano nel settore della lavorazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti agricoli. La dotazione finanziaria per il bando è fissata in euro 35 milioni di euro. La tipologia d’intervento 4.2.1 è rivolta alle imprese agroindustriali in una logica di integrazione con il settore agricolo e di sostenibilità ambientale nell’ambito delle filiere produttive campane: ortofrutticola, florovivaistica, vitivinicola, olivicolo olearia, cerealicola, carne, lattiero-casearia, piante medicinali e officinali. La misura risponde alla priorità dell’Unione Europea in materia di sviluppo rurale di promuovere l’organizzazione della filiera alimentare, compresa la trasformazione e la commercializzazione dei prodotti agricoli e all’obiettivo di migliorare la competitività dei produttori primari integrandoli meglio nella filiera agroalimentare. Risponde, inoltre, all’esigenza di rendere più efficiente l’uso dell’energia nell’agricoltura e nell’industria alimentare. “L’apertura dei termini per la presentazione delle domande per questa tipologia di intervento – aggiunge Petracca – è legata all’accoglimento delle modifiche proposte alla Commissione Europea, in chiusura, quindi, del negoziato in merito alle modifiche apportate al Psr Campania 2014/2020 per questa tipologia d’intervento”.

fonte: http://www.piueconomia.com